Compensare le distorsioni comunicative

Compensare le distorsioni comunicative

Molto spesso non sentiamo bene per diversi motivi, raggruppabili in tre tipi di distorsione che portano le persone a sentire poco, soprattutto nei luoghi rumorosi. Quali sono le principali distorsioni comunicative? Come porvi rimedio?

L’ipoacusia neurosensoriale percettiva (la più diffusa tra le varie forme di sordità) è caratterizzata da tre tipologie di distorsione uditiva nella comunicazione, che unite causano serie difficoltà di comprensione nelle relazioni sociali, lavorative e affettive:

Le distorsioni quantitative sono la prima forma di distorsione che l’ipoacusia neurosensoriale introduce e riguardano essenzialmente una alterazione a carico della dinamica o del volume percepito nei confronti delle voci, dei suoni e dei rumori recepiti dall’apparato uditivo
Le distorsioni qualitative rappresentano la seconda forma di distorsione prodotta dalla ipoacusia neurosensoriale e riguardano sostanzialmente l’alterazione delle frequenze percepite e quindi della chiarezza uditiva
La terza e ultima distorsione introdotta dalla ipoacusia neurosensoriale è rappresentata dall’alterazione cronassica o temporale e corrisponde ad un rallentamento della velocità con cui i riflessi uditivi catturano ogni singolo elemento uditivo recepito.

Questa ultima alterazione crea non poche difficoltà nella percezione uditiva perché altera tutti i rapporti di velocità utili alla perfetta comprensione del linguaggio umano e delle sillabe contenute in ogni singola parola, soprattutto quando ci si trova in ambienti competitivi e rumorosi.

Se soffri di alterazione cronassica non riesci a seguire le conversazioni veloci e hai la sensazione che le parole si sovrappongano una sull’altra divenendo così impossibili da decifrare correttamente.

Più Udito ti garantisce il miglior riequilibrio possibile della nuova soglia uditiva, permettendo al tuo cervello di svolgere nuovamente una analisi uditiva più corretta.

Come ci riusciamo?

Il primo passo della nostra metodologia (il Nuovo Protocollo Audioprotesico®) è quello di dimostrarti che nei tipi di ipoacusie più diffuse, quelle neurosensoriali e percettive, spesso è il recettore uditivo (coclea) dell’orecchio ad essere danneggiato e a produrre le più importanti distorsioni uditive. Il tuo cervello, però, chiede aiuto ed aspetta la giusta compensazione della perdita subita per potersi esprimere nuovamente al meglio e per recuperare le sue migliori facoltà discriminative per una corretta analisi uditiva.

Aiutando il tuo cervello attraverso il corretto adattamento di una soluzione uditiva, potrai nuovamente godere appieno di una migliorata percezione uditiva.

Contattaci e scopri come beneficiare del Nuovo Protocollo Audioprotesico®.

INIZIA a sentire di nuovo con il tuo primo apparecchio acustico economico
Campagna Salva Udito - Offerta: MIGLIORA
RISOLVI una volta per tutte il tuo problema di udito