I nostri valori

Crediamo nell’innovazione quale motore trainante del benessere sociale.

Siamo mossi da un forte senso di responsabilità sociale, perché crediamo che ognuno di noi, nel suo piccolo, possa fare la differenza.

Noi vogliamo far vivere meglio gli ipoacusici e pensiamo che il recupero della capacità uditiva per poter tornare a comunicare liberamente sia un diritto imprescindibile di ogni singola persona.

Abbiamo un forte interesse per il bene comune e miriamo ad attuare politiche che permettano di raggiungere benefici più alti utili al miglioramento della qualità di vita relazionale delle persone colpite dalla ipoacusia.

Crediamo nell’unicità di ogni singola persona, ovvero siamo fermamente convinti che ogni singola persona abbia un proprio specifico modo di percepire al livello uditivo.

Non crediamo sia corretto usare, algoritmi matematici o formule di calcolo predefinite, per definire le giuste quantità e dosaggi, durante le attività di bilanciamento delle protesi acustiche, pertanto la PiùUDITO Group®, ha sviluppato il NUOVO PROTOCOLLO AUDIOPROTESICO®, metodo esclusivo completamente nuovo, più potente ed efficace nel rilevare le esatte sensibilità uditive che consente, ai dottori audioprotesisti della PiùUDITO Group®, di bilanciare con estrema precisione le regolazioni degli apparecchi acustici per garantire il miglior recupero della chiarezza uditiva possibile, nelle ipoacusie presenti di ogni singolo orecchio colpito dal calo uditivo.

Riscopriamo il dialogo con le persone, per aiutarle a risolvere le loro problematiche uditive e per aiutarle a comprendere chiaramente attraverso la comunicazione uditiva.

Partiamo dall’assunto universale che l’attuale crisi di tutti i sistemi (economico, finanziario, giudiziario e sociale) sia collegata ad una crisi più profonda e più importante: la crisi dei valori, umani, religiosi, sociali e politici, i quali a loro volta hanno creato il completo svuotamento nelle speranze dell’uomo moderno.

Non crediamo affatto che questa crisi sia casuale, bensì determinata dall’esaurimento di un intero ciclo epocale, quello basato sui principi del consumismo.

L’uomo, che nel precedente secolo si era concentrato sulla produzione e sull’acquisto di beni utili a soddisfare le sue necessità di possesso fisico di prodotti, oggi non si accontenta più e non è più soddisfatto dal solo possesso degli oggetti e per ottenere la sua nuova soddisfazione è pronto a salire di grado ad un livello superiore, dove la nuova necessità e bisogno primario è rappresentato dall’appagamento delle proprie necessità spirituali.

Il possesso non ci rende più appagati, non ci rende più felici, se non per brevi istanti, ora siamo maturi per salire di livello alla ricerca di un appagamento più alto, dove l’uomo e il recupero delle sue capacità (per noi sono incluse quelle sensoriali uditive per ristabilire una comunicazione più efficace) sono più importanti del possesso dell’oggetto apparecchio acustico.

E’ per questa ragione che alla PiùUDITO Group® riteniamo importante porre al centro del nostro lavoro ogni singola persona affetta dal calo dell’udito prima del cliente, per restituire a tutte le persone affette da ipoacusia la libertà di poter comunicare di nuovo efficacemente e al meglio delle possibilità di recupero audioprotesico della propria capacità uditiva.